mercoledì 31 dicembre 2014

CHAO 2014

 

Anche quest'anno, questo 2014, e' arrivato ai titoli di coda.
Che anno e' stato?
Un anno molto difficile da questo lato del bloqueo, questo e' sicuro.
Ci hanno raccontato, nel 2013, che nel 2014 ci sarebbe stata la ripresa, in realta' e' stato un'altro anno difficile che proietta su quello che sta' iniziando ombre inquietanti.
Mancano e sono mancati segnali reali di ripresa, tira una brutta ariaccia, personalmente, ho ogni giorno piu' l'impressione che questo paese abbia sempre meno da dare.
Mi sembra che tutto sia stato fatto, male, ma sia stato fatto, e che ci sia ben poco altro che si possa inventare.
Mentre a Cuba tutto e' da fare...
Sia chiaro, non siamo (ancora?) alla canna del gas ma le prospettive non sono delle piu' rosee, anche a voler vedere il prossimo futuro con occhio positivo.
Chiunque metta mano al baraccone Italia si ritrova a dover fare le stesse cose per fare cassa, ne ho gia' parlato; o questa nazione si ricostruisce dalle fondamenta oppure da una sponda del Po non si riesce a vedere l'altra.
E dire che dal punto di vsta personale metto il 2014 fra gli anni positivi.
Nei primi 5 mesi ho dato una mano a un'amico a tirare su una palestrina, un piccolo investimento da cui siamo rientrati in 2 mesi.
A maggio vista l'estate che si annunciava incasinata, e che la struttura era parecchio lontana, gli ho venduto le quote, con quello che e' entrato ho pagato piu' di un terzo della casa a Tunas.
Nulla di che ma ci vorrebbe un colpetto simile ogni anno.
L'estate e' stata fin troppo piena di lavoro, ne e' arrivato cosi' tanto che, probabilmente, sotto un paio di aspetti mi ha colto impreparato, ma sono problemi che ogni imprenditore vorrebbe avere.
Come sapete ho acquistato casa a Cuba e ora parte la renta, un primo obiettivo centrato in funzione di un futuro che potrebbe riservarmi buone cose.
Come scrivevo l'altro giorno a stare a casa, sotto le coperte e con le serrande chiuse, non si rischia nulla ma si rimane sempre li'....a casa, sotto le coperte e con le serrande chiuse.
Dal punto di vista fisico e' stato un'anno complicato; un brutto stiramento al femorale e una ciste tolta dalla cabeza, una pesadilla questa che mi accompagnera' ancora per qualche mese...
Per Cuba e' stato un'anno epocale, sopratutto per cio' che e' avvenuto qualche settimana fa.
Anche in questo caso non ho la sfera di cristallo ma e' facile prevedere cambiamenti a breve termine.
Quando qualcosa cambia se ci sei dentro puoi svoltare, se arrivi dopo...solo guardare.
E' comunque stato un anno di grandi speranze per i cubani, il mercato immobiliare si e' ulteriormente sviluppato, a loro modo ma anche da questo punto di vista sono andati avanti.
Il porto del Mariel ha iniziato a funzionare nella sua nuova versione Cubano-Brazilera.
Si e' preparato il passaggio alla moneta unica, anche in questo caso sara' questione di poco tempo e il cuc togliera', senza rimpianti da parte di nessuno, il disturbo.
Ora che ero giu' ho trovato piu' cose nelle tiendas tunere rispetto al passato, se questo accade a Tunas, ultima o penultima provincia dell'impero, mi immagino che altrove le cose vadano ancora meglio.
Poi non entra la maledetta madera o gli specchi per fare i mobili ma questo e' un altro discorso.
Ieri pare abbiano messo al gabbio la bloggara a gettone col marito, notizia che non mi rovina la giornata...
Il Toro e' tornato in Europa e, udite udite, non ne e' ancora uscito.
Ragazzi, faccio a voi e alle vostre famiglie i migliori auguri per un ottimo 2015, di cui parlero' domani.
Il blog sara' ancora con voi e vi accompagnera', per come puo' e sa, in questo nuovo anno.
Cresceremo ancora, questo e' sicuro.
Questa sera divertitevi e non bevete troppo che...la patente serve ancora.

martedì 30 dicembre 2014

CUBA COAST TO COAST

data:image/jpeg;base64,/9j/4AAQSkZJRgABAQAAAQABAAD/2wCEAAkGBxQSEhUUExQUFRQWFBQXFxQUFRUUFxYUFBQWFhQYFRQYHCogGBolHBgXIjEhJSktLi4wGB8zODMsNygtLiwBCgoKDg0OGhAQGywkHyQsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLCwsLP/AABEIALcBFAMBIgACEQEDEQH/xAAcAAACAgMBAQAAAAAAAAAAAAADBAIFAAEGBwj/xABCEAACAQMDAQUGAwYEBQMFAAABAhEAAyEEEjFBBQYiUWETMnGBkaEHQvAUI1KCscEVYnLxM0Oy0eFjksIWJFNzov/EABkBAAMBAQEAAAAAAAAAAAAAAAABAgMEBf/EACURAAICAgICAgIDAQAAAAAAAAABAhEDIRIxE0EEUTJhIlJxFP/aAAwDAQACEQMRAD8A9vrRFbrVAEGWoGi1E0hg5qLVJhQjQBo1A1OtRQBtTipTQlMEj5j58/f+tbLUxEjWqzdWt1AEgKIOKGtFVaAMDVJWqDJUJpgHY0vcattcoJNAGt1TR6HUhQIKXqFYKyaAJKKMlAD0VTTALNZFRBqatQBgStxWTWFqQzUVBhWF6w0ABK1MQKDeu+VJ3bxpiHLt8DilbtyaVN2tNcmqSEEJFaoYet0wOlrKjuqO6sSidDat7q0WoGQJrUVpqzbQBoiotUyKGaAA3TwfL+hrc1Want+wlw23dQQYOVgEiYbOD6Gnrd0MJBn4UCDbq2DQSamDTAMpoitQUNEpgTLUJjU4qLLQAMmo7qkaG4oAIpFTpWal7U0CDOaFuoVy5NC3UAOAiiqar/aURblMBzfRA9JB6mHoAc31Bnpc3qh7egBtahdegrqK3ccRQAJ2pK89GuvSV400Ig9yhG/QL96k7l+rEPnU1lVJ1FZRQWehe0rXtKXN2om7XOaDPtKwPSouVIXqAG1apg0kL1EW7TAbxQ2WoC7Wy9AHI98O6FvUH26vctXl/MjeFhxDI0j5gZ6zSHdXS6sXGVCi6dG2FnG7d4FYeztrEGWgncFxgciuh7X7Q/erZU/8t3f4cIPqSfkKb7HxZT+Y/VjSXYehtUjnn0EfaayK0z1H2lUIKIrJFANyoG5RQDqGK2xpL21Yb9MBhooZoHtqkLtAEiajUHeom5QImwqFRa5Q2u0wCsaH7SKC12oF6AGDfqPtzSxuVBrtUIcN+tC7SDXah+0UqAtVepNfiqg6yg3NZToLLG9q6r7+qpK7qaVuX6pITYe9fpS5eoFy7S1y7VUSMNfrKRLVlAj1NxQWahPepV79cp0DTXDUPbGkmv1D9op0IslvURdRVWNUK37f1p0It11NT/agASTgZPwFUv7RSnamqJUW1PiuHaPQcsfkKTA32Ypuvf1LTBlEHpIn6QF+O6ui0DxbUelVemULaKr7qhQP151OzfgAelKK2NsuS1RFVw1NEXU1dElhsrBapa3qaMNTQBtrdLuKlc1FBN2mBFjWw9QuNS7saAGyaG7etJteNBe8aKCxx71BN2lTerRvU6ENG5Q3u0s16hPdp0Kxpr1AbUUuz0JnqqFYdr9Ca/QHehM9OhWHbUUNr1Ls9CZ6dAMNcoLvQyTUGagRtjQmrHags9MRsmt0AtWUxnoJvTUZoeytEgVgomlhClRNv1oyqCOagYFVxFYI2B51o6f1qLXKxXp8SeRP2PrQdPali/8AKv8ApB8R+Z+wHnRwVPNbSAIHTApOI+QxpgQjz5r/AHqCGi2z+7P+r+1K+0jpUJfyZTekNKaIBSyXqMlyroVh1qeyhq1TFylxCyLIa1sNF3VsGigsBtNRNk02tFRqBlU2nbyoL6ZvKr1wKT12stWV3XbiW1/idlQfUmgCnuWCOlAe23lV72dqrGoXfZuW7qzG5GDiRyJHWmLumEYpiOTYGhO9dHc7Nrznt3vpZs3nRbF66tttrXUgICPeg9Y+VO0uxU30X5uVQ92+2rt9rqXrfs3Rhj0ImD9s9Zro+6+qs66x7axOCVKNAZWHRhMZwfnVF3L7Pdjca4jKywodwB7QsSzshOTOJ6TUyltFxjcWWjGhtVs3ZpHNLtporQyK80N6fezSt1aYhN2oTPTDrQGSnQAnegs1Ha3Q2tGmIATWUT2RrKBnojWTz0pO7erp7minikbnYJbqBWKkW4sojqfKto7NxV2nd0Dl5+AqwsdmovEU+SFxZy40TnnFDbSMK7N3VMsVA4loA+9Au6dDmBnOKOY3E5NLLTT1uwY6VcHTpUG046U7JoUOLf8AMf6CgvmmdYkKB6n+tKvpGX1qIdsuXSNC1RbKn5VO1YYCjC23WK0IBkVBlbpVHrO9irfNlLN24EJW5dUAIjASwBY+NhIwPOur7Ouq6LcRldHUMrDIKkSCKjkvRbi1tiKseoo4YEeRqya0p5FauaBRnNLkFCSKT1o9oKOea8o7zd8NYuovqvs7KWbjIkh2JVRIuMQYhhkf716B3Q1dzVaOzevJ7O5cSWUCByQGAJwGEN86mM7bRcoNJMuxfEV5l+KfYCX7guNcIY2SLasTtU2zLbBEHduWZzAmvT/8N9a87/FHXARpUNpn2M7z7TckwEKkCCI3Er1gClk3HQ8WpbOY/Ba1eTV3Uk+xaxvaMqbgcBCD5wWGP+1exQPOvG+8umuaP2T27hBIO0ofZwhEs27pgT/Ka6Hut37nVW7VxwbNxVAa5EoxGCX6ycGT1nEVOPJa2Vlx8ZOjvu1NCblm4itl7bqDJEFlIBkGeT0rxPug7Lp7mmu7w9lyjWJ9mRubczFusQ2Ig17v2tq7emstfusFtqASwzMkBQoHJJIAHrXi3ezvYuvugrp09kJUhwvtbg6Fm6EQYGYnnNPKuSDDLjLZ0f4V92yja64ob2Nx1S2DG1gFLFlb80FysjGDzGGe5vdw6zSi4b11CHddqFQAVj+IE9R5Yry5+9GrsMy6fUXbVrcItgiBAAwsELx0rfa3eDV6S4yWNRetIxnbbdlWSAJjiSAPpUtJ1Ycmr4nbWe9t2xfTRXHtOwvtZdrxZShDbVJ2/lJ4JHUZr0r/AAj/AC18/dm9y+1Nfc3+xvks0tf1G62M53F7mT8pr6R7J7PvpZtJeuC5cS2qvcEjewADNHqa0g6VGctuzntZowDHWqrUacV6A3Zin3jNR/wSyeVB+Zq+aI4Hmr2x5UNrQ8q9NPYdnpbWsHY9voiD+UH+tPyIXA8v9h5A0rrLq2hLkKPM/Wu07w2FtFpuIrR4d8qpbEAGI6jivEO9Paj3GKlhIOQJMNkMJ9COKJZkloccbZ1Q7d0//wCT7H9fWsrzQ3z5/U1qsfPIvxI+xRZFaNgUoLzelGVj5GmAQacVn7MvlQwTVL3q70W9Cqe0BZrhIS2hG5tozE46gfEigDyDvBqD2pe1TuIS1NqwjPHs3ESYAIJMyW9Iq9/BHvA1wPobssbYL2yZO1Bh0J6AGCPiaTsdhMj6m5vZFvPuVVaDGSC543Hd08qF+D1pdDr3S+wD3re220FpZrigAsPdmDzzgc1z453Jo6smOoJ0ez3NGBwJNZZ0k8ginqi7eddFs5aOa7aXawUdIph7opbtgzdA/wAwH3q1udkr0JH3og+xyRWtcA4NC1natuzba7dYJbQSzHgCYH3IEetWtvsdepmqD8Tuy0PZOsCjItB5HP7t1ufTw59KvkTR4zq+8CDV6ltMzXbd5zcU3CbXiYwywSCRJxBBxxivVe7ne/SpYS1d3q6Iq7toCXGG4Fbe0mGBRwVPGw5Ihj4BoEIdcqPEuXMLyILRmPOu77VvWrW6+uoa6qm4qQqKi3Lz+2v+yIy2SBJkwY6YzilZpJtx/wAPce0e0Esac3jbaPDAOCC0Ru/hyYrzDtD8Qr98Lb2C03tCrkMYCg4gHIx+oNdt+K3ahtaAhf8Anutrd5KwZyfmFj515B+0WhZ3Xd4uqSA20AOijEyctMgR5eVYZMkoy0bYsSlHZ0PeLuuLpS8gDP4ZnYeuCA2DBjHWeDXqXYerW+sqCrKBuVhBHT+1eHaXtl/Zh13B1iFMbgswQflXqf4WXt/7SWM3FubSQ25WAe4FKkciFGfKK1jNO/Rnkg0dewKgscKBJJwABkknyrx12TVa6+LR9q8BjdlWWGFxYKxGCLYkevxr0z8Re1n02gu3bcg+FNwwUFxgm8YOQSOnWvD+zu3mVAEJVQIVUMLIPLRG4nqTkmoyz4+isULHO9N9rgi4IZJUKPEFUht5YzE4HB/NiuT7PLMJtjf7NtyhgY2kT5QPEBg/xD5WOr7wBxtAZT/EArDdgeMP7w8wM1e9xe7NztF7ye19np7ZXcbSAHxAhVt42keE88Y5miPQT77PT+/X/wB72K122RtNq1fiMFV2uyx0xP0rwK1cNpp9CQOkjzn419RaLs+3b066YKfYraFrackoF2wT1MV87ajsMtrH7P3KHttdUOx2iUjYZicggxWt0jNK9I5zV2y2BEloH1gkegq11d8rr0ZWKsArow5DoTtNKa3T3dNe9nfQo48+GkzKHqDIzQe270ai23oP7H+9Zt2axjxqz3zsD8S7ThU1Ia3cgAuo3W2PUgDxKTzEH412uk1yXVD23V1P5lII+Hx9K+aHvrjPSr/uj3qfTXwAdwchCjEhW3GEJMGCCRnynzqY5f7F5MC7ie9tc860biiuFu94dQYI9kvpDN0nkkUnqe8V8wDcCbjA2IJzxyx+vwofyIIx8Uj0JtWBSV7vDZtzvuoI5BYT9K881ie0IFy/ePPh3x5ngClx2Vp4MKTPLFjAxjE1D+UvSK8P2w/4ndpJq7aravLcBP8Aw4cH+UiFJmMHPMV5NrOxr7ElUa5ESQrSScmZEk+der9l2EtCDs3SfEEABPx/XFFftQg7ZKnoAok88joP+1ZP5Dforxo8dPdrWHjTXo//AFn+9ZXr1/Wwx/eR8QtZT/6P0HiR0He7v5Y7PY2mDXLwUNsSAF3Ald7k44mOYNec9qfi/rbh/dLbtLBwBvM9Dvbn6edWHbmi0fbeoQ6W/wCw1BVvDcsMPaFfESXBA3RHmYM1y3fX8PtR2cEfeLttmVfabWG0n8zqAdiyY5J45mut2c53Hcb8VbmovpY1KW/FCq64JctEt0Ag/b1pv8R9Ru16ofct2g3QCYY5n1YVr8L+xNPpLIv6j9nuXnMobauzIu4RO/3TMZ2iPM1Sd69d7TX6i4sEbQACntMEqB4ZAGEpe0jSK02JWtY8QC+0/l9paMTnwbsxxzVZaB/bdOSbhJvWsOyNkXbce58acF9FAUbV8x7JF+0/epdlIh12lnaAt+zJjaf+NbI3dIxVSikm0EZNtJn0OUrXshVfe7e06+9fsj43F5+tLXO9OlHOotn/AEnd/SlyS9kcWVfaZm+o/wDUA/8A6rrPZCvPdR27ba8GVbrKHBkW24BkxPPFP9pd9LodfY2JtZ3+1YW25EFMn15qFkivZbhL6Oz9kKT7X0ttrNxLgBttbdXBMAoykMJkRg1xWo736xrm62NOlraZR2Zz6HcoH0+NJd4e8OqvWroFxLSbDKpbZ2ML4lBJHvcfOl54B45Hg+u0wFxwhYpubaJk7ZO3I5xVjc1CO9rT3/DYskgrZCgh2bdcyZ3nkTPl5VWah4E8GPnNL9nsBdTeJX2i7lPVdw3A/Ka1vRB9O6PvB2d2lpzYZ0KezUsjEqbcYU7m4YEYPpXlXenszT6bWfs41rFPZJcU3hb2eOYUuqwTABzHNXeh7A01lpWygf8AzM9yOMne0AHyrifxBsAancAAHtqYUADwyvA9AK545YzlVG1OKtMv+x+7ltw1w3rV4n3WtsCFUdBnmZmrjvD2cbd9bvZgvWxdxc27lFsCJ2QR4TzHQ9RwPG9bo2tsA0SyI4+FxAw+kx8jXuPZXaivZsuWMtats3xKAkQOgPlTzS4pUKG3bC6/tDtAp+zkW9VauEKx1K2wFTdu8QEbmEL5gx1rhvxINwm0WFtbpRt9y0NpuCQF3gGMQRPMR5V3SdpIrAFt2Ok9eScweK5nv9eS4qtAlVdcDEkjg1niyuUkmVOKStHAaDShzH8KkkzyZwI/XFehfhZrDZtakB7gb2qEwxIjaIMdDgifLFcL3X0zNcbbG0kKZ4mC3Hy+9dh3T1Gy/fAwrJaJHTlgD94+db5XUHRlD8tnpH/1DdJ3AvztgLg7fSvHu+F5n7Rv3CX3hlMg7SCbaGfTFd83apCcZM+6COWC4nPWvO/xCuOmpW5EF08UiQXQwY84BAn0Fc+CbcqZrkpLRaHvq9yytnUhLhSAWIBZ0mJYEcgRkc/15Xt+3LhlnbkRztIgEA9R5Gq/Q6gtdBPrMfCrl9QuCVLCZ28k7jMzEeX1rZri9FRlyirIW1LGAcx9P1Ipruf2QbmqUXGbaoa5BYjcVKwCfienlWtReDAOEKQwJBMypG1iTAx1+Qp3S6qGkA7lMT6xwQRwQYkedS3p0aOJ6MuoVrhEoIG4nkwScR0GR9ax7icqwzxtHEfon5VzVjVq8+zJ3FYIYAGDyZnMACjtq/CAgBk5AAmYA6eUGuNxa7Jstbuu3DBUkniBIGB9eaSfUkcAjcowQMHgyQPSlLetIGFzxJEEkfb8x+tau9pHxqQZ8IkAE+6QfnIpUKw9jTupWHeTyq9CP7Ua/pyWBLRn3gOoGCQTzP8AalBr7kSM+CZA/hbJjz6GoJqbjqdxjxeUzwGk/rinQJof0bXgse9BI3QMxieayqvUWCCPE5JAJgcE5jiso0Ax/gg3BlW2hBlSttvCcQQQecc0fV9m3bylLupLIwEqdxBgyAQWzkT8qHa7QuZVuTIBMRiCP16Vv/EJIkz0G3j9TT5y+w0PaTQXAADqrjKMhQD8REmqbtXF+5AJB2wQ4tmFUjr6k04naRDT4jEY45PT9edcb2rbZ7l25+Y3XMjyBNdPxrlJtmeWSUaLC9q3L5LyP/Vtk/Wn+ziXvoGlgIIBZTjLflGPdFcVYv3GfJJ8pA6c5iuh7tbxqidw8Ns5OQJZYx9fvXTl/BmWOVSR2fhQkLZQfyqT65PNM29a5AKqgAxAzBycxg/71WP2htXByQfXykecfI4rWm7TTgNtHX4Y9I868vZ1WWQ1t2N0YiefPPB4qCPcaZ4BOJmf+9BHaW7wjODHzyDSv7Y5VifdGJHqSSfMncaQNjtu4ZAYDBw27p0EDn41IQW3b469DxHB8p/pVVZ18P0kBR4RgkGMtxjEjpFPprAVkjG2IxwDjHTPnRsSZ5R28hW/cxDe1cjrkuSI8+RTHfXsxrGqYsPDd/eKeh3e/wDRpx6ine9239uQgwrGySeoghCfjCg10X4lqLunVgD+7eQSOEfwlfT8v0r0Fk/H9mDj2W/dmNRpLTySdg3E/wASyp+pWuZ/ErTi01og8hx8wFPl60x+H/a6rpdjNGy63PADLP8Ac4pP8StQl1bRGGVmXp7pABz6FR96xjGs1Gjdwsh307KjTafUARtCWWAiB4N4k9TMiuh7sXA2mscgeziQBMiQenpzVB3m7UNzsyyIHie2WgdQhBb6g/WrrurrUt6ayAfF7L0wSdxnPrilkT8e/sI7kWW4q2d20Z2SDz8ccmq/vdbH7OYUAKymRiZEZE/D6U1qdYhJOekDzYwQM48j8zSnaV9XsXEzOwscAmBBIH6xWWO1JMqS00cz3UQm1fYTKuhn4A9emN1W2gvgX42zvsj5w0nFUncvXKt+5Zf3LykegZVb/wCJYVLSakLetsxErcUTng4zk9DXbJXyRzrVM663qnY4UZAHUmMjkYnn+tU/4gaInTW7hMsj9Ywr4I/90far3TNN05G0A9IBJEfSRz/m9KQ7fte1s3l3TCMYjyAZPvH6xXJjdTR0SWjhey7ICbh7xPPoDx9jTxKoIJAxj5elK9mf8Nfn/wBRrfaqB0kciSPh1reUrnTNIqsdr6LHR3wRzIg/emltgDEAR0rm+yrsA1di7KjNTNNOjXHJNWxy3qSpBBzB/up+Rz9a6GxdAKNuG1lLcGQZyRHOD9q4jV3ojPn/AGroezL02bZyDESsHw7hE9R1xmpkrRjOrL1NeGYjjjbHlgsY84Brd/XoHBB9CoBz8B1/vVLu2CVMkRgGfCRtg+WatNJbRVDwCwUE/m97xD7/ANayqiVbJf4kiSeRG1fQ8mCf1JqGo7UTdIUjkgTzuK8gc8feq/tS+p9mDanxPKgQoJeWJEc4pK5dDKvgIb44VQsAE/yk4zxT4ktsvh2lb5JMnOIIHoM1qqBmCgAjMdd4mSSDj0iso4hyZ0tlg/vTK9fOCRMdP6VuxZRDnjaIEckz5+Rqrt6pZyJBPJ+eD/48qYtFGUqGOAxExGIA+eD96GirLCwZI4zyRnMxmfn9a5LtnVKN8Y8THmeT1NXyvgRgYUx5eEnr6g/OuM7zao3LjmIJMEDABEKPnjPxro+N2zHN0gulQbNPjLC6T6zckfZq6fu5bEah+u9V6SQqk/cn7VW9tIq/syCJRWUfCFE/UU72IoFpvEJNwnmAWXwgDPh4q8krxCgqmWn7NKZC8YPUDMc+dC0QQq5wecdSJz4o5/8AMVly7kFSTgrBnOMCDzkj0raiXMiF428BSTkwBnp9q4qNwOtvbNu0eIgTOANwJMD5VK1YbaTBUAqerGZGCON0n+/Wp3XPIOd2MA89ZHHMVE6m4ByCNvnIn1HnBz8fWihCywQGlZAwevXCngYP+1TUgknbAgxkYJzwBx96np1BaCMgDA8O0xx5+tLW7AMwrEE5bqJEj4UUI5zvlpzNt0GArZAgDbkQfrV52tq2v6YjlmsjA3ESRux9KNqtIl21scncN+2TBG5SGGBB6Chm2VTaDgKnInAQYj4weOlbKS4xX0Tx7OZ7nMJuDdEhcdYE5+9dB25phdsMAJYgEHk4YBY+QY1V6fssAzbgHMt8eBHlVq8IHEnbCgZIJjLTPUTP+1VOScuSFHqmVNzTMdKLJHiBWSONqyfgPM/6Zp3s++BbtrnwgKeDkLBz9cfCmdNrLagjY23HrmZkkDBPFCLoSzY5jaBifh16c0udoaoOl0u6qsSwPM8wQR8efrUrx2mMeIZ6SpUyxnIPnmhq+394uNuAWIkGImR0Mz/aj+xBA3kDaDtYHBkcbT5TjPWpopHB6pfY3vD+RgR5wII+1O9tDY/xg8HAOeKl24ivcm1LkiPDmYxwOvwomv0e9UPiU7QpDCCWAEnPA5+hrsUujBov21MQOYXjjPkD1j+9NaTxTuA3EH3RmBAGYiBz8qQ7P2tbDN7xULIIJLA9Jkcen5qbtWgfCA3Jld09AeOa5GqNo2cT2feibZwZxPnwR8ab3dD0pbtbRbbnluJI+bR/WrHQ3FNu3v8AESIPmBJAz8q3yRX5IMeSv4sqLPhZh64py3cPwA6+lTu6Qi/BjZuGVC7tpYrInBII60b9jHi3gna5WGJHUxhY6RTkl2wU60J27bai5C8YEnhVmJP14rp30rQoUYthdpACiI53QPvBOZpPTKNvhUAbTxgDB6edPMWGIOAZjHwAA5MR9aylL6C72wdt2AbO73ZwPyksBjn40xY7aOFaCdpETBknAYARHpSlvUqCOOpBImeuJ/WKPrgFIMDaYxHMyZIJ65x6VHfYJkrpDgnJ3SY4EnBk/T6GhX7KQrYDT+U7goiMCMmB+poJuMRG3JmMA7sEmIxHWt2t/XlgYnjK7ojkfKmFjFnU3AIUyOkk/wB1xWUlc1DzlcjHDHj4VlOhWMXZ2xOIBiMgziMelCF1hBVYMzHEn+Iz+sU5aVAAIMznzWPM8Y8vXrQGXdBjqes5x/3rK6YuhkakgxMiIz58PHSP151zGvc3L4nre2k+u/bV1qLhAhcvGBBJk44GTzxVZb7MbPiEzMjzlTIzyI+tdGJqKbZMrdFh27q5uKVyyqQOPeZiBIHy+1XfZmm22/ZiJELIMy4O4z6mSZ9a5bSdlw83CYxmTJMxkmNvB5ro+yL0NEdSc+pj5zNTlkuKii4d2y2uaQhGyJEtkA+9J/rQbjXAEG8jcoaMcwT1zED4fWo3tVuUhWAG6CDOQAsiRyTxjzPWja6+o2k4YIPToCfhyD86502atCj32IBgkiCeIAkDjzMfICoftJFtt6iCcRMwBAzTl5IdiR4ZtwBGYILR6ZP0qC6QOoXH/MYg9AyRHxgjmq0SA0PvBwcEnjJIIwB8Ca3asiWAJUkwTMYHiEfSjaDsv3sidpWRI4kiOgyfoB50Kx2exO4knaznHkggEknAMT8DQ6CiNtiba/5tzc52lgoj0wft5U/bRVKhSfEwO48ErHH1I+I9KRtqQApAAAaCMlQpLEfMLPyNaW54l3EyDIIPGCGHxmcf+KARLV6aWhCQQSrZxu3RiODmt6ayYUuzSdxgyTKngAYGF54qOuuuFUGNxbcTOZG0gj69fLpWjMZjaWuQQSIxuG48jr+oo2hezdvSoIgEtuXImBvDFdx6gkf0oa6VAjNLEsSFXkbsSSTmMn14+NHB/cowXxEZz19oFH/TxRLqSgA2hVuyZkHaY+YyB160WOkV2m0ZDiG3LzA6iY+sxj1rNVZUHMYaCASflmTz8OBTpshmCzyFjMAgEEA9en3+FFGkV3WFUhw7YEgbSACPQ5xTsK+ip9hatYUqu8KQPeBnoQMyTHpxQe0F3q247gCZCwP/AB/tVr2ppVkrwRPAxgqF+QB6+tKW9L7N7m6T4TJHQsw2kQfOPl8apP2S0yg01hl4YjkgDpAnieas01TBYjHXnMHzH2FWNrQLCOpJJG4hpMyxWfCM5U0lqLh3bdiErEnIyQJlpyJnE07TBKhTXWvbEEwCGJkQ0SZgZiSazTaQW1VZkANjHvbiRBPXkcfLpVkbG2OACwXnAGePv9B5xSV6FDL4jDc+6SMR7pA6Dp50+eqFqwWt2lYAAI6dcMxj1zGf+9E7WQC6xIMFt24j+IlgPXBz8vnDUacSDBKlZEldwBjwjy8v96IqW2EXTeZlEDaQdoVYRSFMyMCfWndB2A0gO7A8JAU8zBGDj/arK5dDqZIBgSf9MzB56fSq79lO0HnkEDgAbZn6/OaCthyYXqJETkkYjHUiKT2LlQZtCSAJmCw5jPyPx+tPXCFCeOW8IMieCvAP6zSiGUg7gecY9Jyc5np0pPVoSVExEYPAjJkkeVOrHZbprm3GAZABEAenXrmtNd674nbIMzggnxee2OvSqzQ3DbJwxG33vdj/AEiNxzFN6dmug7QYCqJfwgQJ+H9eKTjQ0x+7pt5LKFIkySwWTJPEHoRWUumsFsbdzt1lRjI/Ljj6VlRsYdE3bgRgFfpG4gmZMgjy+VKX7Z92ZIJKqMAypmT1gwBW6yhktaADUdT5kA/yyJ+n3o6ackhRHMYAVQepjyA4ArKyhokVdtpGSZAyehMdJoml3BwTkbiTEcbgBAJHmK1WUJWgQ++qlxtkKBn8s56wSSJ9a3qtZugkwFgSAcyIhhPkOc1qspeyrY1r9XuJEYwBPmGUSAOOKaVmW4wOfAJ/nU8f0+VbrKGqRog76kqJ6ZgYyBuEGPUH6Uy9xdjsvBkRHUlt3PxrKys6KEta+EdQABg4yZA4/wDdVJftQ5APO5hnMLv6n4VlZVJGcyVi0115cmMcHkkiIHw86Y01ttwQH3yTDGVBJZSY+EH7Qa3WVVij0ZevA2VIJBNzaDAM+ENMYxn44oPaTsJY+6Qu08SRtiRzEH7VlZTQMau2QoW5uJggbWiI8RxjnApq3rSlrd1AYE8EHnA6ZIz/AErdZUtaLQn25fCguScAcfm3AD5YNL6nU+0Nw5zaWIMYF1AB6EEH4g1lZTS0TLsjeZlVBJjahwcxvuE/9X65o/7SGZAIn93uJ/zKLg2j58E1lZQ0L2V3aLu7XCcIrsJngrzAHHNLm8yMd5BgZjM48/LpWVlOtIiXZP20pMRtDZxxOQI65EfE+lPjTsFZh0ZQGnaZ2CcZ8iayspspFp2VcR0aQRCYkDlipmBwRFVNpfauCwKvvbrPhVpgnr+b6VlZU+xvpEdKgADH+Frigk+Hap8jwZn5VC9cBacgEmVEGX94GSOII5nrWqymmK9EbOnZiymCdrNnxCNpYc+ueOaUuh14YmYGWPIx0AMfOsrKqDYehY27owQvyj+4rKysqrJo/9k=

Ieri sera sono rientrato presto, volevo vedere un film in tv che mi era sfuggito nelle sale, un paio d'anni fa, credo, quando usci'.
Un film italiano, cosa piuttosto rara in questi anni in cui ho cercato quasi sempre di evitare le mediocri pellicole che il nostro esausto e senza idee cinema sa produrre.
L'ultima fregatura, in ordine di tempo, e' stata la Grande Bellezza di Sorrentino.
Al di la di qualche splendido squarcio della nostra capitale, un film di una noia mostruosa.
Il film di ieri sera era Basilicata coast to coast, credo l'opera prima come regista di Rocco Papaleo.
Alessandro Gasmann, la Mezzogiorno e un muto Max Gazze' fra i protagonisti.
Un delicato e bellissimo film che parla di un viaggio a piedi, per il gusto dell'avventura, attraverso la Basilicata (coast to coast) per andare a suonare, loro che sono una band amatoriale, ad un festival.
La Basilicata non la conosco, e' la sola regione di costa dove non sono mai stato e non ho lavorato.
Ho visto paesaggi bellissimi, un film in cui il viaggio era infinitamente piu' importante della meta, cosa che ogni tanto scrivo con tutta la convinzione possibile.
Si tratta di una metafora della vita, alla fine tutti arriveremo in un unico punto, come ci arriviamo e la strada che avremo fatto fara' la differenza.
La zingarata con amici, a questa eta', e' una cosa bellissima se la testa e' rimasta quella giusta.
Nel 2012 l'abbiamo fatta coi Villans, a Senigallia.
Esattamente nel 1982 la squadra nacque dopo una vacanza vissuta insieme proprio nella localita' marchigiana.
Partimmo tutti, lasciando una fidanzata, o qualcosa di simile, a Torino, dopo un giorno eravamo gia' abbracciati a qualche ragazzetta procace.
Ognuno di noi ha una vacanza che, a raccontarla, vengono i brividi a pelle, uno squarcio del nostro passato che e' rimasto sempre con noi.
Per noi e' stata quella.
Cosi' nel 2012, 6 di noi che c'erano piu' 2 che sono arrivati anni dopo, abbiamo affittato un furgone e siamo partiti per un week end da ragazzi.
E' stato fantastico, abbiamo iniziato a ridere appena partiti e abbiamo smesso la domenica sera mentre restituiamo il mezzo.
Sono mancate le ragazze ma e' andata bene cosi', chi piu' chi meno eravamo tutti impegnati e...non era il caso.
Un'altra zingarata in solitario, la feci a Cuba 3-4 anni fa.
Credo di aver fatto, all'epoca, un post a riguardo.
Per 3 giorni, in scooter e con uno zaino militare sulle spalle, girai per la provincia Tunera; Obajo, Colombia, Amancio ecc...
Dormii in posti di fortuna, incontrai tanta gente, partecipai ad una festa piena di bella gioventu', quando avevo fame mangiavo, quando avevo sonno dormivo, quando volevo una donna me la cercavo.
Completamente padrone del mio tempo e del mio destino.
Tre giorni molto belli, diversi dalla solita vacanza cubana.
Da anni progetto un coast to coast per l'Isola, da fare con mezzi di fortuna, con cio' che capita, senza troppi aiuti dalla tecnologia.
Per molte ragioni e' un viaggio da non fare da solo, questo mi fa pensare che sara' un viaggio che difficilmente realizzero'.
Ai miei amici di qua' Cuba frega poco o nulla, con la stragrande maggioranza degli italiani che conosco a Cuba non berrei neanche un tamarindo, portarmi dietro un cubano ha i suoi vantaggi ma anche i suoi svantaggi e non credo il gioco valga la candela.
Nei miei ultimi viaggi, compreso il prossimo, ho sempre avuto da fare, forse il tempo giusto per questo progetto e' passato, anche se non si puo' mai dire con uno zingaro come il sottoscritto.
Partire da Pinar e arrivare a Guantanamo...che figata.
Il problema pero', a Cuba, e' sempre quello di riuscire a rispettare i programmi che si fanno.
E se nella valle di Vinales trovo una guajira con una quinta da blocco aortico?
Dove cazzo vado poi?
A Cuba si deve vivere alla giornata, fare progetti non e' quasi mai una cosa saggia.
Tornando al film di ieri, alla fine i protagonisti arrivano che la festa, dove dovevano suonare, e' finita, ma sono tutti contenti per l'avventura vissuta che cambiera' in qualche modo il loro futuro.
Piu' che la meta, come dicevo, conta il viaggio.

lunedì 29 dicembre 2014

AMERICANI E IMMOBILI



Dopo gli avvenimenti delle scorse settimane, la normalizzazione dei rapporti fra Cuba e gli Stati Uniti siamo tutti d'accordo che sara' soltanto una questione di tempo.
Un anno, forse due.
Dopodiche' avremo la calata degli yankee, o meglio, dei confederati visto che la maggior parte dei turisti, presumibilmente, arrivera' dagli stati del sud.
Florida in testa.
Questo portera', dal punto di vista del mercato immobiliare, un innalzamento repentino dei costi degli immobili in tutta l'isola.
Molti americani avanti con gli anni, vedranno l'isola come meta del loro buen ritiro.
Se le leggi cubane rimarranno quelle di oggi sara' tutto un fiorire di matrimoni misti.
Per non parlare dei cubano americani...
In realta' l'aumento draconiano del costo degli immobili e' in atto da un decennio, e quando parlo di innalzamento mi riferisco a 8-10 volte il prezzo di prima.
La casa che ho comperato io, lasciamo da parte l'italian style, una decina d'anni fa la portavi via con 1000/1500 dollari, oggi, se fosse stata la classica casa venduta da cubani, sarebbe venuta via per non meno di 15000.
Questo sopratutto dal momento in cui e' stata permessa la proprieta' degli immobili per i cubani o gli stranieri residenti.
Ho letto che, uno dei problemi, potrebbe nascere dalle pretese dei cubani che hanno lasciato il paese in questi decenni o dai loro discendenti, su immobili che la Rivoluzione requisi' o che vennero abbandonati, per l'esilio, da parte dei proprietari dell'epoca.
Credo che la cosa restera' lettera morta.
Non e' successo con la caida del blocco socialista in Europa e mi risulta che gli ebrei tedeschi, dopo la seconda guerra mondiale, non riuscirono a rientrare in possesso degli immobili occupati da famiglie tedesche dopo la loro deportazione.
In piu' a Cuba, in quasi 6 decenni, chissa' quelle case che fine avranno fatto.
Saranno crollate, ricostruite, divise, assegnate, saranno diventati solar o sedi di imprese statali, chissa'...
Fossi nei cubani all'exterior mi metterei il cuore in pace definitivamente.
Come dicevo, ai turisti americani non sembrera' vero di poter acquistare casa in un paradiso tropicale, a 1/3 ore di volo da dove vivono, a cifre tutto sommato irrisorie.
Oggi, dal punto di vista immobiliare l'offerta e' infinitamente superiore alla domanda, ma se arrivano i vicini del nord le cose potrebbero cambiare in modo drastico.
Una casa a Cuba a 20/40 mila dollari andra' via come il pane.
Cosi' come andranno via le tante belle case nei quartieri prestigiosi dell'Avana.
I prezzi raddoppieranno e triplicheranno se non di piu', probabilmente nascera' un mercato immobiliare decente, non piu' basato su quello que “hace falta” a chi vende ma con precisi riferimenti alla zona, alla condizione della casa e al classico tot al metro quadrato.
Le nostre case cubane saliranno di valore, magari non saranno i 5/6 mila euro al mq come da noi ma comunque, sopratutto quelle ben fatte, tirate su e rifinite con materiali di pregio, varranno un bel botto.
Forse e dico forse, chi si e' mosso prima di tutto cio' malissimo non ha fatto.
Vorrei dire che ha visto lungo ma mi si aprirebbe la solita ruota del pavone.
Probabilmente si sblocchera' anche la situazione relativa alla possibilita' di comperare una casa al mare.
Parlo di una casa in localita' turistica, non di quelle in borghi di pescatori che sono gia' acquistabili da ora.
Resto sempre dell'idea che bisogna essere dentro le cose nel preciso momento in cui cambiano, arrivare dopo non servirebbe a nulla.
Conosco gente, amici veneti che, dopo la caida del blocco comunista, comperarono appartamenti nel centro di Bucarest per 5/10 milioni delle vecchie lire.
Andate a vedere adesso quello che valgono...
Gli americani, col pil in salita vertiginosa, a differenza delle miserie europee, porteranno del bel grano fresco che, sicuramente, non verra' rimandato al mittente.

domenica 28 dicembre 2014

CAIRO E LA 7

 

Visto che, questa domenica, il calcio, in Italia e' fermo parliamo di Cairo e de La 7.
Mentre in Italia il calcio e' fermo in Premier in Inghilterra giocano 3 turni di campionato.
E' proprio il concetto di calcio come spettacolo che a noi manca, lo spettacolo deve andare in scena quando la gente puo' andarlo a vedere e non lavora.
Gli inglesi lo hanno capito e non a caso hanno un merchandising da urlo.
Vero che in Germania si fermano, ma loro climaticamente non hanno la corrente del golfo del Messico e i campi si ghiacciano alle prime gelate.
Ieri leggevo che La 7 e' in picchiata di ascolti.
Questo malgrado che, a differenza del Toro, il proprietario dell'emittente abbia pesantemente investito su personaggi da copertina.
Santoro, Crozza, Floris, Gruber, Bignardi, Mentana giusto per fare i primi nomi che mi vengono in mente.
Santoro fa ascolti da emittente privata, Floris le prende dal suo vecchio Ballaro', mentre Mentana fa' meno ascolti del tg 4, che non e' neanche un telegiornale.
Visto che questi sono strapagati, Cairo ha un diavolo per cappello e rischia di prenderle perfino dagli albanesi di Agon Channel.
Il bracciamozze di Masio e' un grande editore di carta stampata, giusto per fare un termine di paragone, fattura 10 volte De Laurentiis.
Editore di quel tipo di giornali scandalistici che tanto piacciono a quel tipo di italiani che passano 8 ore al giorno sui social, noi li conosciamo bene...
Col Toro ha fatto bene 2 anni su otto, il primo quando con una squadra fatta in 2 settimane ci giro' tutto bene e andammo in A, e lo scorso anno grazie alla premiata coppia Alessio&Ciro.
Per il resto un disastro.
Con La 7 sta' seguendo la stessa parabola.
Cosi' come nel Toro decide tutto lui, lasciando a Petrachi il compito di svuotare i cestini, La 7 e' la sola televisione a carattere nazionale senza un direttore di rete.
Il direttore di rete e' lui, i risultati sono questi.
Vero e' che ha rilevato, a 1 euro, La 7 che aveva 100 milioni di euro di passivo, ed e' riuscito a ridurlo in maniera considerevole. ma se non fai i numeri non arriva la pubblicita' e te la batti sugli zebedei.
La realta e' che La 7 di Cairo e' di una noia mortale.
Ogni sera Talk show politici, programmi che costano pochissimo perche' i politici vengono gratis, anzi pur di farsi vedere pagherebbero pure.
Crozza e' costretto, per salvare la baracca, ad essere in onda ogni 2 giorni, inflazionandosi e perdendo di brillantezza.
Talk politici in un momento in cui i politici sono popolari e benvoluti come un ebreo a un raduno di naziskin.
Chi segue, con costanza, il blog sa perfettamente che parliamo molto raramente di politica.
La gente quando viene qua' sopra o accende il televisore vuole svagarsi mezzora, sollevare la mente dai mille problemi che ogni giorno deve affrontare, non vederseli riproporre in modo urlato dagli stessi che i problemi li hanno creati.
Cazzo, lo capisce persino cadetto di Guascogna come il vostro umile scriba, possibile che un uomo intelligente come Cairo non ci arrivi?
Certo, fare programmi costa denaro e bracciamozze da quell'orecchio ci sente poco, ma se un programma ha successo arrivano gli sponsor e con loro il bel grano fresco.
Possibile che una rete di proprieta' di un presidente di una squadra di calcio non abbia un bel programma sportivo, di quelli fatti bene, ogni settimana?
Con tutti i torti arbitrali che subiamo non sarebbe il caso di fare la voce grossa da una televisione cosi' importante?
Per quanto riguarda il Toro e il mercato di gennaio ho poche speranze.
Il mandrogno avra' avuto rassicurazioni dal Vate sul fatto che ci si salva comunque, la difesa regge bene, quindi comprera' un paio di bolliti e via andare.
Arrivassero Ledesma e Dennis sarebbe un'altro discorso, ma temo che porteremo a casa i soliti prestiti mendicati all'ultimo giorno di mercato.
Spero di sbagliarmi ma su queste cose, con Cairo, vai a colpo sicuro.
P.S. Cerci voleva la Champions....credo che, in un futuro immediato, avra' molti mercoledi sera liberi.

sabato 27 dicembre 2014

SI APRE!

 Anteprima

Ya tenemos renta, ahora mismo me terminaron los papeles, asi que ya estamos listos para enero.”

Ieri pomeriggio mi e' arrivata questa mail.
Ci siamo, inizia questa nuova avventura, il primo passo verso un qualcosa che vogliamo creare a Cuba.
Il primo passo per rendere la mia Cuba indipendente economicamente dalla mia Italia.
Scusate se e' poco.
L'inizio della renta e' slittato di un paio di mesi per molte cause, nessuna negativa.
L'italiano che ha venduto doveva ristrutturare la nuova casa che aveva comperato, a me faceva comodo pagarla con calma.
La ricerca dei mobili e di tutto cio' che serve per arredare una bella casa, di cui un cuarto (per ora) de renta, ha richiesto il suo tempo.
Alcune cose non si trovavano in circolazione, come vi raccontai al mio rientro a novembre.
In piu', visto che chi mi aveva preceduto in quella casa ha avuto un rapporto non facilissimo col barrio, abbiamo scelto, in accordo con la famiglia, di fare tutti los papeles alla luce del sole.
Nessun sistema per adelantare le cose.....sistema che mi sarebbe costato pochi cuc ma che avrebbe potuto, in ipotetici problemi futuri, saltare fuori.
Fra l'altro all'Onat lavora una parente del suegro quindi una mano e' arrivata ma in modo...tranquillo.
Fra l'altro non avevamo nessuna fretta, in questo modo tutto e' stato finito con calma, tutti gli impianti della casa revisionati al meglio e il 9 gennaio, all'arrivo del primo cliente, tutto sara' assolutamente perfetto.
In questi giorni verra' issata l'insegna “CASA DE RENTA GRANDE TORINO” con l'antico e amato stemma che campeggera' nella calle.
Come dicevo il 9 gennaio arriva il primo cliente, un carissimo amico, che spero davvero venga a stare bene.
Io saro' giu' e sicuramente le zingarate non mancheranno.
Alla fine questo vorrei, una casa de renta dove ci soggiornino i miei amici o comunque gente di un certo tipo.
Nessun pezzealcullo, churroso, rompicoglioni fra i piedi.
Nessun socio della confraternita “una tucola con due cannucce”.
Gente per bene, persone pulite, che sappiano, possibilmente, come funzionino le cose a Cuba.
Ovviamente, qua' sopra, non parlero' di situazioni che fuoriescano dai canoni di legalita' che le leggi cubane garantiscono, ma varra' il detto che 3 lustri fa una duena mi disse; “cuidami que yo te cuido”
..e ci siamo capiti.
Poche regole di civile convivenza, chiunque sara' nostro ospite sara' a casa sua, membro della famiglia.
Il cliente non ha sempre ragione, ha ragione di pretendere e ottenere cio' per cui paga.
Stop.
Da noi trovera' un ambiente famigliare e un sorriso sempre presente, sara' rispettato e accudito ma allo stesso modo dovra' rispettare la casa e chi ci vive.
L'ultima volta che sono stato giu', con un certo stupore ho saputo che erano accettate nelle casa ragazzine a partire dai 16 anni.
Ecco, scordatevelo.
Sotto i 18 anni nessuna ragazza mettera' piede nella casa de renta Grande Torino.
Ci saranno sicuramente altre case che spalancheranno le porte per gli amanti del genere, se poi uno ama appostarsi davanti alle secondarie, ci sono le case illegali.
Ognuno e' libero di fare i cazzi suoi in questo tipo di contesto, ma non nella nostra casa.
18 anni, poi di tutto si puo' parlare....
Inizia questo nuovo capitolo a gennaio, l'apertura della renta rappresenta uno dei 3 obiettivi professionali che inseguo nel 2015, il primo e' raggiunto.
Il percorso, negli anni, non e' sempre stato lineare, so bene che, a Cuba, tutto e' provvisorio ma iniziare questa avventura e' per me un punto d'arrivo ma sopratutto di partenza.
Alle inutili parole di tanti corrispondono i fatti di pochi, questo e' uno dei piu' grandi problemi che ha l'Italia.
Per chi volesse prenotare potete visitare il sito, il logo lo trovate sopra il post, oppure contattarmi; orienteavana@libero.it
Benvenuti nella casa de renta GRANDE TORINO

venerdì 26 dicembre 2014

SPONSOR CERCASI



Chiunque abbia avuto la voglia di studiare, in modo approfondito, la storia di Cuba sapra' che, dal tempo dei Mambi' in poi, l'isola ha sempre avuto bisogno di uno sponsor.
Se vogliamo dirla fuori dai denti, di qualcuno che pagasse la cuenta.
Si sono avvicendanti in questo ruolo; spagnoli, americani, inglesi, francesi, mafiosi italo-americani, sovietici, venezuelani e, entro certi limiti, cinesi.
Cuba, per diventare e poi essere indipendente, ha sempre avuto bisogno di essere aiutata.
Questo trend e' proseguito coi vari governi, passando da Batista e arrivando ai barbudos.
A dire il vero, la Rivoluzione non nasce Comunista ma lo diventa nel momento in cui, l'ingombrante vicino del nord, inizia a fare la voce grossa.
Fidel, fine e pragmatico politico, svolto' verso Mosca malgrado alcuni disaccordi interni col Che e, forse, con Camilo.
Come sappiamo questi ultimi due hanno poi fatto una fine non bellissima.
Dopo la caida del blocco socialista, l'isola ha aperto al turismo cercando di attirare investimenti stranieri, al 49%.
La cosa e' andata avanti per qualche anno fino a quando gli investitori si sono rotti le palle di essere trattati come mucche da mungere, preferendo location con qualche tutela in piu'.
L'ultimo sponsor, in stretto ordine di tempo, e' stato il Venezuela chavista.
Con la dipartita di Hugo e, sopratutto con la crisi che ha portato il petrolio a perdere, al barile, anche il 60% del suo valore, la nazione bolivariana ha ben altri problemi da risolvere prima di farsi carico di quelli dell'isola.
Il Brasile partecipa ad alcuni progetti, come il porto di Mariel, ma oltre non si spinge, anche il gigante sudamericano ha i suoi bravi problemi da risolvere, malgrado la risicata rielezione di Dilma.
Restano i cinesi.
Spesso sento parlare del fatto che Raul inseguirebbe un modello cinese, con cambi di natura economica ma che non vadano a modificare la struttura politica del paese.
Il problema e' che per attuare un modello cinese....ci vogliono i cinesi e non i cubani.
Gente, i cinesi, che lavora 18 ore al giorno, 365 giorni all'anno, vive in anfratti, non fa mai festa e consuma poco o nulla.
Vi faccio un esempio proprio di ieri.
Ero ospite a pranzo da amici, scendo a Giaveno per andare in pasticceria a prendere un vassoio di bigne'.
Ieri era Natale, in paese, malgrado la sua natura turistica, erano aperte solo le pasticcerie e qualche bar.
Tutti i negozi erano chiusi, tutti meno uno....
I cinesi.
Voi ve li vedete i cubani che tengono aperto l'unico locale commerciale nel giorno in cui todo el mundo fa fiesta?
Con gli occhi a mandorla ho a che fare piu' volte ogni anno per l'acquisto delle divise e del merchandising per la stagione estiva.
Ossi durissimi.
Vi ricordo che quando Marco Polo arrivo' in Catai coi suoi 4 stracci da vendere, ci trovo'...i centri commerciali.
Quindi i cinesi potranno anche, se la cosa rientra nei loro interessi, dare una mano a Cuba, ma sicuramente non se la metteranno sul groppone, questo e' certo.
Il riavvicinamento fra l'isola e l'ingombrante vicino del nord puo' essere visto anche in questa ottica; la ricerca da parte di Raul di nuovi partner commerciali disposti ad investire nella maggiore delle Antille.
Coi tempi che corrono non 'e il caso di andare troppo per il sottile, come diceva Montanelli ( guardate chi mi tocca citare....) “per evitare che i cosacchi abbeverino i loro cavalli nella fontana di Trevi, bisogna, turarsi il naso e votare democristiano.”
Allo stesso modo, a Cuba, pur di non far crollare la baracca traballante, si accettano anche i dollari del nemico di sempre.
L'altro giorno leggevo che, uno dei settori che potrebbe essere interessato dagli investitori americani, potrebbe essere quello dei soft drink.
Non so bene il perche', non mi pare che i prodotti Ciego Montero siano poi cosi' male, a 0,50 cuc a lattina.
Comunque Coca Cola e Pepsi Cola stanno scaldando i motori per una loro eventuale sbarco sull'isola.
Una raccomandazione agli amministratori delegati di queste gigantesche multinazionali.
Ricordatevi di fare anche lattine con la linguetta piu' grande, in modo che un certo tipo di miei connazionali possano, in una sola lattina, infilare due cannucce.
P.S.Sta' arrivando il frio; e' il momento di portare i maroni dall'altro lato del bloqueo....

Le previsioni di crescita dei consumi tra il 2014 e il 2018

 Cuba

mercoledì 24 dicembre 2014

FELIZ NAVIDAD



Dopo 5/6 anni in cui ho trascorso il Natale dall'altro lato del bloqueo, quest'anno torno a viverlo nel vecchio continente.
Rientrato a novembre ho avuto alcune cose da fare, ma Dicembre me lo sto' godendo tutto nel massimo relax come non capitava da tempo.
Non sono esattamente un fan del Natale, sono dell'idea che sia bellissimo per i bambini o se hai bambini per il resto e' un rito in cui fai cose di cui ti frega poco spesso nei confronti di gente di cui ti frega nulla.
Fra l'altro, essendo ateo, non sento neanche il richiamo di chiese, bambinelli e baciapile assortiti.
Pero' dopo anni passati in un paese in cui, malgrado il via vai di Pontefici, il Natale resta un giorno assolutamente normale, mi piace essere qua' in questi giorni.
C'e' il sole, non fa freddissimo e le giornate sono luminose.
Mi alzo quando voglio, mi alleno, non manco ad un aperitivo ( l'ultimo oggi a pranzo in palestra) ho vissuto bellissime cene con gli amici e vado a dormire quando voglio.
Aggiungerei anche un “con chi voglio” ma poi mi si apre la ruota del pavone...
Ho ridotto all'osso le visite istituzionali ai parenti e frequento soltanto gente che mi piace, e' un privilegio non da tutti.
Non e' che senta un gran clima natalizio in giro, la situazione e' quella che e', il grano latita e la gente non ha tutta questa voglia di festeggiare.
Comunque l'altro giorno ero al centro commerciale Le Gru, c'era il pienone con problemi anche a parcheggiare.
Vuol dire che qualche centavos gira...
Periodo sereno, alla stagione pensero' al mio rientro dal viaggio di gennaio, la casa e' finita, l'ultimo palel per la renta e' atteso a giorni.
Come dicono a Roma...ma chi m'ammazza?
Cari Ragazzi, questa popolata e popolosa Isola nel Sole e il suo umile scriba vi fanno i migliori auguri di Buon Natale.
Passatelo con chi amate, nel modo migliore possibile e non riempitevi troppo di cibo...

martedì 23 dicembre 2014

IL NEMICO

 

Uno dei problemi che il governo cubano dovra' affrontare, nel momento in cui i rapporti diplomatici con gli Stati Uniti torneranno ad essere normali, sara' quello di trovare...un nuovo nemico.
Ragazzi, non e' una cosa da poco.
Quando i barbudos presero il potere, il primo nemico non fu, direttamente, il governo americano, ma bensi' le multinazionali che tenevano per le palle il paese.
Un cittadino normale, nella fulgida democrazia americana, non puo' diventare membro del congresso od entrare in senato se non possiede milioni e milioni di dollari, da spendere in una campagna elettorale.
Quindi molti di questi milionari eletti avevano azioni ed interessi in quelle multinazionali, di conseguenza il coinvolgimento del governo americano fu', nei fatti, immediato.
A quel punto il nemico divenne il potere dell'ingombrante vicino del nord.
Questo ando' avanti per 30 anni in una logica di guerra fredda, dopo che Fidel accetto', non si sa quanto volentieri, di lasciarsi avvolgere dalle potenti zampe dell'orso sovietico.
Poi ci fu' la caida del blocco socialista.
Cuba, rimasta sola, diede, non senza buone ragioni, la colpa di ogni sua sciagura al nemico a stelle e strisce.
Oddio, se nei 30 anni precedenti avessero pensato a farsi una propria economia, invece di sfruttare il lavoro dei vari Juri, Dieter, Piotr, Ganev, Petrascu e Gmrlowsky, magari l'impatto di quel momento storico sarebbe stato meno invasivo.
Negli ultimi 20 anni l'America e il suo bloqueo sono stati i nemici mortali assoluti.
C'e' stato prima Elian e poi i 5 eroi e il bloqueo asasino a perpetuare la nemesi di un paese che, per non cambiare, dava le colpe ad altri dei propri fallimenti.
Un po' come hanno fatto alcuni noti fenomeni virtuali che, una volta visti naufragare i loro sogni imprenditoriali o sentimentali a Cuba, hanno dato la colpa all'isola, al suo governo, alle sue donne e ai suoi abitanti dei propri fallimenti.
L'inutile, stupido bloqueo ha permesso che il governo cubano potesse giustificare tutte le sue scelte e i suoi errori come conseguenza di una situazione di guerra permanente.
Tutto doveva essere fatto al precio que sea necesario.
I bambini, gia' dalla primaria hanno imparato che il nemico e' la', al nord, che in ogni momento i cow boys possono arrivare ad uccidere tutti.
Magari poi crescendo, diciamo dalla secondaria in su, i ragazzi iniziavano a chiedersi che nemico era quello che permetteva a genitori, zii e parenti di lavoraci e mandare oggetti e denari che miglioravano le condizioni di vita di tutta la famiglia.
Il nemico era in tutte le cose, era causa di ogni problema.
Manca la merce nei negozi?
Colpa degli americani!
Ovviamente, chi conosce Cuba sa che questo soltanto in parte e' vero, che i problemi sono nati da 50 anni di politiche economiche diciamo...creative.
E ora?
Ragazzi, si dovranno riscrivere i libri di storia.
Gia' da subito, perche' se si vuole una normalizzazione e si parla di aprire ambasciate non sara' possibile continuare a dare dei delinquenti o delle canaglie ai governanti americani.
Randy e la sua mesa redonda che fine faranno?
Il bello e' che questo concetto di nemico non godeva del principio di reciprocita'.
Una mia amica, che ho visto a ottobre e che vive a Pasadena, mi diceva che mentre nella tv cubana non si fa altro che parlare degli Stati Uniti e del bloqueo, negli Stati Uniti, Cuba, non se la caga nessuno neanche di traverso.
Cosa insegneranno ora a scuola?
Quale argomento regnera' nelle infinite riunioni politiche nei luoghi di lavoro?
Quali slogan urleranno i ragazzi e la gente nelle manifestazioni politiche organizzate?
La cosa e' ben piu' complicata di come sembra.
Giusto per fare un esempio; se nelle farmacie non si trovavano i cerotti perche' a causa del bloqueo non arrivavano, una volta che il bloqueo viene tolto i cerotti si devono trovare, non ci sono cazzi.
Altrimenti la gente ha tutto il diritto di pensare che per oltre 50 anni e' stata presa per i fondelli.
Bel problema trovare, ora, un nuovo nemico...